Raggio: Chiuso
Raggio:
km Imposta il raggio di ricerca
Cerca

Menù salentino per la Vigilia di Natale

Menù salentino per la Vigilia di Natale

Hai deciso di riunire la famiglia per la cena del 24 dicembre ma non sai ancora cosa cucinare? Se non hai ancora deciso il menù per la Vigilia di Natale, ecco alcune idee di piatti salentini che potrebbero fare al caso tuo.

Pittule salentine alla pizzaiola o con il cavolfiore

Che decidiate di servirle come antipasto o come contorno per il secondo, nella vostra cena non potranno mancare le pittule. Sfizioso stuzzichino fritto a base di farina, acqua e lievito. Come da tradizione, la sera della Vigilia di Natale, le pittule si preparano anche alla pizzaiola e con il cavolfiore.

Alla ricetta classica delle pittule dovrete aggiungere capperi, pomodorini, aggiughe e peperoncino per prepararle alla pizzaiola. Per la seconda variante, lessate e saltate con le aggiughe il cavolfiore prima di aggiungerlo all’impasto base.

Primo a base di pesce o primo tradizionale

Come da tradizione il menù della Vigilia di Natale nel Salento è a base di pesce quindi potrete spaziare tra molte varianti salentine. Tra i primi piatti salentini a base di pesce: spaghetti con le cozze, triddhri in brodo di pesce (meglio se baccalà), pasta con il sugo di polpo a pignata. Se invece non amate il pesce potete optare per una ricetta salentina più tradizionale: ciceri e tria oppure orecchiette e maccheroni al sugo con ricotta forte.

Baccalà al forno con patate

Da perfetta tradizione salentina il secondo perfetto è il baccalà con le patate al forno. Ricordate che il baccalà è semplicemente merluzzo sotto sale, quindi prima dell’utilizzo dovrete dissalarlo e ammollarmo. Per fare ciò dovrete lavarlo sotto acqua corrente grattando via il primo strato di sale. Riporlo poi in una bacinella colma di acqua e lasciarlo in ammollo per almeno 24 ore, cambiando l’acqua ogni 8 ore circa.

Contorni salentini: rape nfucate, peperonata leccese, insalata di lampascioni

Sulle tavole salentine, anche ad accompagnare un secondo già abbastanza saporito qual’è il baccalà, non devono mancare i contorni. Sbizzarritevi quindi preparandone una varietà: rape nfucate, peperonata leccese, lampascioni lessi o fritti, insalata di finocchi crudi conditi con olio e aceto, ecc…

Porceddhruzzi e cartellate

Dopo aver servito la frutta di stagione (arance e mandarini) e un pò di frutta secca, è il momento del dolce. Per chi vuole una scelta più rapida va benissimo il panettone o il tronchetto di pasta di mandarla. Chi invece vuol seguire la tradizione, dovrà preparare i porceddhruzzi leccesi seguendo la ricetta originale.

 

Non ci resta che augurarvi buon appetito e gustoso Natale a tutti!

 




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati

SalentoLoveFood

Iscriviti alla newsletter per ricevere coupon, offerte e news
dai locali del Salento

I tuoi dati non verranno mai condivisi con nessuno!